SCIALPINISTICA 3ª Venezia e Punta Martello del 23/05/2010

Al gieri de sera, a fine gita era stà trata lì l'idea de tirar for le pèl per la val MArtèll... e a cà de zerto no se pol star: gh'è da nar! Parto alle 3 da cà e alle 5 ne trovém con renrav, SAlvatore e Pamela (del forum de skialp) enfont alla val Martello. I m'eva accennà dell'intenziom de far la salita per la terza Venezia, traversar vers la seconda, volando sui crepi en velocità smontar dalla diretta. Trati i sci sulla schéna, vedo che i g'ha drio imbrago, prusik, corda e i me diss: "per tirarne su dai crepi i serve!".... diaolopò! Mi no g'ho drio nient se non picca e ramponi! Per fortuna la Pamela la me diss che la tornerà zò con mi dalla stessa de salita: la III Venezia no l'è crepacciada! L'è le 5 e 1/4 che ne enviém sulla destra idrografica dela val, e anca se par bonora, gh'è zà na bela fila de scialpinisti en moto (penso soprattutto en direziom Kollkuppe e ZuffalSpitze). Traversém el pont e subit sora el laghét l'è ora de trar i assotti sotto i pei. Ciapa subit la testa del gruppo la Pamela: diaolopo'... la vol tirarne el col ancoi! Po', el Salvatore, cacciandose sotto i rampant per prim el me passa sul prim dossét en agilità. La seconda pontèra, co l'uscita erta la fem tutti coi rampant ai pei. Quindi entrai en te la valletta, ne spetta el canal che porta sul ghiacciaio: tachém de zete a destra della slavina, ma vist che g'ho drio tutt, dopo 50 metri de lamine e rampant, preferisso proseguir picca e ramponi, arrivando su ensema ai altri che ha setà de zete su nef giazada: me basta i ciuffi de cavei bianchi fatti al gieri su per el canalom del Latemar, ancoi no gh'evo voia de passar su col cor en gola! Endò la spiana, me fermo giust el temp de trar i ramponi en tel zaino e ripartidi, el renrav l'emponta na deviaziom vers destra ben pù erta della normale, quindi, vist che som el pù comòt a traversar via, ghe fago en fiscio e togo la normale da sol per ricongiungerme al gruppo subit sora el doss sul ghiacciaio. E enveze... no i gh'è pù! Mah! Speto 5 minuti, po', me envio su per el ghiacciaio. Arrivà finalmente al sol (diaolopò, senza bereta ho ciapà na mbrumada alle recie che basta la metà) manca demò 300 metri e raggiungo en sior sulla sessantina che me fa passar... anzi no... el taca a ciacerar... e parlando en lingua dell'Heimat, no podo far a men de tegnirmel de fianc e far la salita con elo! L'è viennes, ma sempre qi en volta per le nose zime tirolesi, al gieri sulla Zuffal, e l'è sempre qi en volta per monti... ma quel che l se meraviglia de pù l'è quando mi ghe parlo del doss pù alt de Vienna (che ho fat en MTB) l'Hermannskogel... ehhe... g'ho idea che l m'avria dat la cittadinanza austriaca a oci serai! No ghe n'e' tiroler che conoss i dossi fim via là! Arrivém al skidepot per primi e BergHeil! Entant arriva su anca el Luciano (l'ultima volta l'evo encrosà en vetta al Größer Möseler l'an passà) co la so morosa, quindi dopo vinti minuti ecco che arriva i 3 del me gruppo! MA che fin evei fat? Eh, eh.... i eva tolt la via pù fazile... su per en canalim a 50 gradi! mmm... per fortuna la Pamela la diseva de aver giust scominzià co le pèl! El renrav e l Salvatore i continua en traversata vers la seconda Venezia, mi e la Pamela enveze, scavezà via al passòt a destra vers el ghiacciaio del Careser, molém zò i assotti e en 18 minuti sém al Berg Heil de Punta Martello. A smontar ne la tolém propri comoda e restém praticamente i ultimi sul ghiacciaio e... fem bem! I primi 200 metri infatti, la nef no l'era ancor cotta a puntino, ma sotto ... che spettacolo! Sommerfirn da favola! Roba che neanca el meio gattista riese a tirar na pista del genere! Saltém zò tra le pontère e i canai e tornai sotto tra le mughe gh'è demò i ultimi 200 metri che stem pù all'ocio a no sfondar, quindi, tra sci d'erba, lengue de nef e rivi, a mezdì e mèz, arrivém praticamente sci ai pei al laghét che l'è endò che ne sém accordai de spetar i altri. Ne trém sui sassoni a ciapar el sol fim le 2, po' per via dele nuvole da calt, taca a deventar fresc e ne trem vers la macchina a veder se el chiosco el ne tira for na birraccia. E difatti na bona radler e Wurst mit senf und brot, patatine e cola, i va zò che i se copa! Arrivai anca el renrav e l Salvatore, con qualche cavél bianc en pù per la discesa che i ha fatt tra seracchi, alle 3 ne saludém, col pensiér de sugàr le pèl per la prossima avventura.




Se taca bonora a ciapar quota (senza rampant fin qi)...


...e passà i primi dò salti, arrivém en fretta en vista del canal che ne sbara sul ghiacciaio...


El canal ancoi l'è bel engiazà... mi fago el comot e trago i ramponi sotto i pei, po' passà for la pontèra, gh'è demo i ultimi 300 metri de dislivell su ghiacciaio...


..che fago en compagnia del me socio de Vienna e arrivém ensema per primi al Berg Heil!


...dopo en quart d'ora (e en giro su paretine a 50º) arriva anca el renrav, la Pamela e l Salvatore, pronti per continuar la traversata vers le altre Venezie...


...mi e la Pamela enveze, na volta smontai dala zima...


...ne trém vers el passòt sotto Punta Martello e sora el ghiacciaio del Careser (davanti al Kepo), quindi...


...disdòto minuti a testa bassa e sém enzima a Punta Martello: Berg Heil!


Tornai de volta al passòt (drio enfont se vede la 3ª Venezia)...


..spetém che la nef la sia cotta a puntim (smontem per ultimi). E co n'ocio drio ai stupendi GranZebrù e Cevedale...


...la molem vers val su supersommerfirn!!!


...e sfruttém fim all'ultima lengua de nef.


Quindi, arrivai al laghét... pulizie de primavera... si', ma se i nèta sol per qualche dì! Ancor nef ghe n'è, ancor...Gh'è da nar!!!



Ste pagine l'e' stae cargade volte da visitatori dal 3 de agost 2005