SCI ALPINISTICA Aletschhorn (CH) del 21-22/04/2007

Vist che i tempi per na pestolada en Oberland i e' mauri, e vist che i 105 Euro per el trenim dell'Eiger no voi lasarghei n'altra volta, sto colp farem l'Aletschhorn partendo dal Vallese (Briga) e traversando el pu' grande ghiacciaio delle alpi!!! Gh'e' da nar! Dopo n'ora de som (...eh... ormai scominzia le serate co la squadra de DragonBoat!) alle 3 ne trovem a Roveredo sud e via per el Sempion/Briga. Gh'evo ben dit al Mich che en Valdossola no gh'e' autogrill, ma forse nol m'ha credest, e infatti la colaziom l'avem dovesta far direttamente en Svizzera pagando 10 Euro per 4 caffe'! Risaltai en macchina ciapem la seconda tonda a destra e seguendo per 12Km per el passo Furka arrivem a Betten Tal, endo che parte la funivia. Da qi, tirai a um, e sparteza' el peso dei zaini (tra fornei, buste liofilizzae e sacchi a pel nem su come i mussi: al Kepo, vist che a forza de laorar en cantier el g'ha en po' de mal de schena gh'e' sta' abbuona' en par de etti...) saltem sulla funivia e arrivem a Bettmeralp, quota 1950 (e no l'e' ancor le 8 de mattina). Raccatta' na cartina della zona all'ufficio del Turismo arrivem sulle piste da sci (le sera ancoi!) e sci ai pei, passando el Bettmersee (lac de Bettmer) le risalim fin al passo 300 metri sora (ne tegnim a sinistra del Bettmerhorn, el scroz che domina el paesot). Ecco che arrivai en gresta ne se presenta davanti el nos obiettivo: l'Aletschhorn.... ma no ghe fem caso pu' de tant: infatti la nosa attenziom l'e' attirada dal sottostante Aletschgletscher: el ghiacciaio pu' grant delle alpi, lonc pu' de 25Km e, propri sotto de noi l'e' crepacciatissimo e.... propri li' dovem traversarlo. Beh, cava' le pel smontem de 300 metri dritti sul ghiacciaio, quindi, ligai, ne enviem su e zo per seracchi zercando de risalir la val tegnindone sul versante destro. Messi i sci sotto i pei e risali' per en chilometro e mez el ghiacciaio arrivem en ten punto che ne par bom per traversar.... e chi scominziem n'ora e meza de saliscendi tra crepi e ponti de nef. Per la massa foga de nar encrosem en par de cordate e ignorandole, no vardem neanca la cartina e continuem a risalir el ghiacciaio sul verante opposto. Diaolopo' avem sbaglia'! ...e ne sem rendui cont dopo n'ora de marcia che erem nai drio a nar alla Konkordia Hutte e non al nos bivacco! Subit dopo aver traversa' avresem infatti dovest entrar en tel ghiacciaio laterale alla nosa sinistra. Cavem cosi' le pel e tornem sui nosi passi. Diaolopo'! La nosa levataccia per arrivar primi al bivacco e torne i letti l'e' bella che nada a farse ciavar. Davanti ocio e cross g'averem za' almen na desina de persone. Risalim el canal e arrivai en vista de na piana ne rendem cont che co la velocita' che avem tegnu' avem quasi raggiunto una delle cordate encontrae do ore prima sul ghiacciaio (prima de sbagliar strada!). Accellerem come le bestie e se a meta' pianoro ciapem i primi 4, quando se taca de zete per arrivar al bivacco sora raggiungem l'altro gruppo da 3 e arrivem.... diaolopo', l'e' za' piem: n'e' resta' do letti en 4: ebbe' dormirem a scalzape'! Som li' che entro en tel bivacco e... diaolopo'! el mondo l'e' propri piccol: encontrem anca el Chicco col so socio Giulio e anca lori i fa la nosa zima doman! Tirai a um, vers le 5 decidem che l'e' meio trar zo qualcoss da magnar e cosi', trova' na prea da sentarne zo davanti al bivacco, enviem el fornelet da campeggio e tra na forma de grana e celletti de luganega, ne cosem na bronza de risotto ai porcini: magnem come i ruganti. El sol el ciocca forte e vardando en su vers la nosa zima vedem staccarse na seraccada enorme che se schianta sul ghiacciaio 300 metri sotto: e che polverom che la tira su! Dopo aver domanda' engiro a che ora la zent la mete su la sveglia (nessuni sa nient) e punta' alle 4:15 me trao en let a scalzape' col Ciano, anca se ho cambia' i calzotti el so bem che no servira' a nient: stanot el more stofega'! Deve aver sona' en par de sveglie prima della mia e nessuni el l'ha scoltae, ma quando parte i jingle todeschi del Kepo leva tutt el bivacc! Alle 5 sem li' che ne mettem en marcia, sligai (vist che sem for dai crepi) e per primi. I rampant i mettem su da subit. Risalim el versante sora al bivacco puntando all'Aletschjoch 600metri sora, endo che ne raggiunta la gresta, ne fermen a metter su i ramponi (no i serviva... e infatti a tornar l'avem fatta sci ai pei) e vardarne entorno. Bel, bel, bel, davanti ecco che ne se presenta le zime pu' famose dell'Oberland co la Jungfrau, el Monch e l'Eiger. L'Ú l'alba e vist che no volem seguir la traccia sora i seracchi che e' crolla' al gieri puntem dritti all'antizima. Passa' la terminale ecco che taca giaz vif.... diaolopo', g'ho drio sol na picca e l'e' sui 50.... no me piass miga tant l'idea de nar su co le onge, ma po' co l'Albert che me assicura da sora co la corda, passo for el muret senza tanti problemi. Traversa' la gresta dell'antizima ecco che passem el pianoro e arrivem alle roccette. Anca se l Ciano el tra' zo na corda fissa, fago a men de vardarla e finalmente senza tante menae salto enzima. Berg Heil! 4195m! Anca questa l'e' fatta! E col Chicco e l so socio sem i primi a far zima ancoi da sto versante: tutti trentini! Ripassa' le roccette cacciem i sci sotto i pei e per evitar el mur de giaz, decidem de provar dalla via dei seracchi: l'e' bela erta, ma da sora no se se rende neanca cont de endo che se e' e se la passa fora senza tanti problemi. La sciada, tornai all'Aletschjoch l'e' discreta: el calt l'ha deforma' tutt el manto nevoso a cunette.... e po' co la se' che g'ho no vedo l'ora de tornar al bivacco alla sorgente de fusion per bever en goz. Dopo na pausa ristoro de n'oretta, ne enviem vers val: e chi el firnaccio el se fa propri apprezzar. Tornai en la piana glaciale, ne lighem e co na strozegada de corda del Ciano (mi ghe l'ho dit che dirghe de nar pian a lu l'e' come dirghe bÚc a n'asen!), dopo n'ora e meza de saliscendi per ponti de nef (i ha tegnu' tutti, per fortuna, col calt che l'era gh'era propri da star su co le recie) arrivem ai pei del versante opposto. Ripellem, bevem e nem. Altri 300m sotto en sol che spacca le pree... che agonia! Ma a pass anca massa veloce arrivem finalmente sulla gresta de confin Oberland/Vallese e mola' i sci per le piste (ormai senza nef) de Bettmeralp arrivem alla funivia. Dopo na birretta alla macchina e tirai a um en tel piazzal, ripartim vers l'Italia. El viaz l'e' lonc, e a parte na sosta sull'entrata Milano laghi, per i soliti rallentamenti, che ne impone (almen a mi) na birra media en autogrill, el viaz l'e' abbastanza spedi': e alle 10, dopo neanca 5 ore de auto, sem za' a ca'.




Arrivai alla gresta sora i impianti de Bettmeralp, se de smontar e traversar el ghiacciaio dell'Aletsch (qi en realtÓ l'Ŕ al ritorno, quando el Kepo l'esulta per n'altro quattromili conquistÓ e... aver portÓ i ossi a cÓ anca sto colp)


El ghiacciaio sel traversa tra slalom de crepi.... passaggi propri strett!i


...e pozze glaciali dal color irreale...


...e blocchi de giÓz a forma de piramide!


...ed ecco che finalmente ci appare davanti la vetta!


...e dopo aver ciapÓ quota per n'altra bona ora, el bivacco!


Cucina da campo al MittelAlteschBiwak: che figada!


Ma el crollo de n'enorme serac dalla normale el ne inquieta non poc!


All'alba, el dý dopo arrivem all'AletschJoch


...ed ecco che davanti ne spetta l'anticima (la normale che passeva a sinistra sui seracchi la evitem) col so mur de giaz prima delle roccette che ne porterÓ enzima.


...per saltar sull'antizima gh'Ŕ el giaz vif che ne speta: diaolop˛!


...e per la zima la gresta de roccette: grande Kepo! SligÓ! Mai zeder!


No l'Ŕ neanca le dese! Berg Heil!


...e davanti a noi ecco da sx verso dx che gh'Ŕ Jungfrau, Monch e Eiger.


....e sull'onda dell'entusiasmo, anca la grestina de ritorno che porta all'AletschJoch ne la magnem sci ai pei!



Ste pagine l'e' stae cargade volte da visitatori dal 3 de agost 2005