SCIALPINISTICA Col du Monetier e Dome de Neige (F) del 14-15/04/2007

I centri de calcolo europei i d brutt el sabo, ma for per la not el dovra tirarse fora e cos, vista l'occasiom de n bel giro en compagnia al 4000 che ho za fat 2 anni fa a ferragost... no me tiro zerto endrio: gh' da nar! Ne trovem tuti alle 4 a Roveredo Sud e carg el furgom del Paolo (sto colp, mont i sentai da turismo, ghe stem rento tutti e 7!) ne enviem vers la Francia. Dopo en par de colaziom e esser nai "fuori traccia" per qualche chilometro en zona de Torino, pass el Monginevro arivem a Brianon vers le 9: piove. Coi tempi sem propri larghi: ancoi ne basta far i 800m de dislivel per nar al rifugio du Glacier Blanc a quota 2542; quindi ne fermen na bona ora a girar per el centro commerciale per comprarne la cartina della zona, da magnar e bever. Risaltai sul furgom, dopo 10 Km vers val devim a sinistra verso Ailefroide, quindi risalim la val fim a endo che ser la strada: 500m prima (quota 1835) della normale partenza estiva che sara a Pre de Madame Carle a quota 1874m. Ha smess de piover anca se rest nuvol, e quindi dopo na bona mezzora de preparativi, e dopo aver trat zo anca na ciopa col speck (e el Kepo anca na birra), ne enviem coi sci. Prima se traversa la piana fim al parcheggio estivo, po' se taca a ciapar quota (cavando i sci en par de volte per la poca nef restada en esposiziom sud) sul senter estif. Partim vers le 11 e 40 e en men de do ore sem z l che arrivem al rifugio. El Mich ancoi el prova le nove pel da gara (e le ghe d en po' de problemi co la colla): a forza de rasarghe via i peli a quelle vecie per farle nar de p.... no rest p nient e le zedeva anca en pianura. Arivai al rifugio, dopo esserne cambiai se tr zo na biretta. No l' ancor le doe: l' bem dura far vegnir sera l fermi al rifugio senza far su en ballom, e cos quando tutti i va a trarse en let a polsar e el Mich, per no star l a spetr el me propone na zimta 800 metri sora (zimota se far per dir, vist che l' sempre en 3300 su ghiacciaio, anca se no l' crepacci): se ciava el temp mez nuvol, gh' da nar! Nem. Me cambio n'altra volta e stavolta, nem su senza zaino... E' l' propri comot nar su lizeri.... ciapo subit en bel pass veloce e ne alzem de quota en fretta sul canalom che parte a destra del rifugio. Pass quota 2900, risalim n'altro ert pendio a sinistra e con n'ultima deviaziom arrivem al deposito sci (1ora e n quart dal rifugio): pass for en traverso a p sem al Col du Monetier, quota 3323: Berg Heil! Tornai sui nossi passi z le pel e z vers val! I pendii i propri erti e continui, la sciada la merita propri. Come da tabella arrivem al rifugio vers le 4 e meza, quindi podm pensar dopo en par de birrette, alla zena. Vabb la zena... no l' zerto da ricordar per el gusto, e la rifugista (che par la Belmondo con 10 anni de p) la se ostina a parlar en francese anca se la capiss l'inglese e allora, cap l'antifona, quando la me domanda qualcoss mi ghe rispondo en dialt: almen som sicur che no capiss nient nessuni dei doi.... A taola col Br1 e l'Arrmando, tra na barzeletta e na monada l' na bella battaglia e se cataloga tutte le putle del rifugio: in primis l'indimenticabile "baffa", na putla che s' merit sto nome per averghe av i tratti somatici da zinghena! Ale 9 el zl l' ancor cort, ma per doman sem fiduciosi.... Ne trem sotto le coerte en tei lager del rifugio (24 per stanza!) che no l' ancor le 9 e 1/2. Dopo quattro zighi de n coppietta en tel nos let per el casim (el Br1 e l Mich, a forza de rider per le monae no i la fa dormir) ciapo sm e alle 4 men 10 co la me solita sveglia da Oktoberfest sveglio la camerata. Fatta colaziom, ne mettem sci ai pei, rampant (sol per el canal sora el rifugio), imbrago con longe (sol per eventuale recupero: no ne lighem) e per le 5 sem l che partim. El Bepi, davanti, el tegn el passo guida: en spettacolo, altroch tirarse el col, ancoi se riese anca a vardarse entorno! Pass el canal sora al rifugio, traversem la piana (5 chilometri de ghiacciaio) passando sotto al rifugio Caron (m.3170).... el temp el s' tir fora: a parte qualche nebbia che troverem en quota, la dovra narne bem. Arrivai enfont alla piana, ai pei della salita, gh' en vent fret da mat. Ne embaccuchm su con giacche e windstopper e rimessi i rampant (giusto per la comodit de averghei z su: per le condiziom che avem trov, podevem anca far a men) tachm con calma a far i ultimi 900metri che ne resta per arivar su. Vers i 3700 gh' en stop forzato: all'Armando ghe parte en tallom del dynafit e el ghe rugola a val. Diaolop! Per fortuna dopo 5 minuti, ne raggiunge do francesi che i l'eva trov sulla traccia sotto: che lusso! Entant che l lo liga su en qualche maniera, me envio... Dopo qualche toc entr le nebbie, e qualche folada de vent sul travers che la prova a trarme entra, ecco che arrivo al ski-depot: la famosa terminale endo che do anni e mez fa col me socio Matteo da Milan sem restai tacai su sol co le me d picche. Sto colp tutt bel ser e per passarla su no servira neanca i ramponi ma, i g'avem drio. Entant che me envio a p per i ultimi 10 metri che porta en vetta vedo el Paolo che l se gira per acompagnar z el Luca (gh' vegn mal de montagna, nol st massa bem) e vist che mi ero l'unico a aver z fat sta zima, ghe dago el cambio e ne anviem vers val. Tornai en tel vallom (tutt nef giazada e portante, ma el ghiacciaio el ghe n'ha su propri poca) ne fermen 10 minuti per veder se ariva anca i altri. Entant me bevo la birra che m'ero port drio per la vetta (ma col ventz e l fret che gh'era su no l'avra daverta de sicur). Copda la lattina, ne enviem vers el rifugio e l'ultim toc de sciada ne la godm su qualche bel toc de firn. Ghe sem. Spet tutt el gruppo, dopo na bona ora de pausa vers mezd ne trm en val e co na sketinada finale arivem alla macchina. Partidi alle 2 dopodisnar, la trovm bella scorrevole e vers le 7 sem z de volta en Trentim. Bel,bel,bel, a parte en contatto ravvicinato con el Velox a darne el bentorn en Italia.... sperem bem che nol n'abbia ciav!
'sti pullotti bastardoni / coi so velox e soffioni / i n'ha propri rot i coio..




Arrivai al parcheggio col pulmin ne tolem na bona mezzora per tirarne a um e magnar qualcos per far carico de energie. El Br1, addirittura (a sinistra) el trova el temp per cambiarse el sangue!


Da Pre' de Madame Carle, per salir al rifugio (che l'e' alla destra del ghiacciaio sora) ciapem quota tra lengue de nef tegnindone a sinistra, e po' traversando vers destra sci en spalla le rocce sora.


Arrivai sotto el ghiacciaio se traversa vers destra e se guadagna altri zento metri: e sem al rifugio.


...ma gh'e' sempre da nar, e allora col Mich, ne enfilem sul canalom a destra del rifugio e nem a far el Col du Monetier...


En te n'ora e n quart (senza zaini l'e' na festa!) su pendii sempre pu' erti arrivem al ski-depot...


...e dopo en travers a pe'....


...ghe sem! Berg Heil!


El di' dopo, se parte per el 4000. Qi, sora al rifugio sem drio a traversar el pianoro glaciale de 5 Km.


Fini' el pianoro, se passa sotto i seracchi e...


se continua a ciapar quota...


....e col fret e el vent, na menziom la va per el Paolo: el reportage fotografico de ancoi l'e' tutt suo: tutte le altre fotocamere digitali le s'e' engiazae dal fret!


...e traversa' sora n'altro par de seraccae...


...ecco che ne trovem davanti alla nosa zima: l'e' la ponta a sinistra del dossom davanti.


La Barre des Ecrins (a sinistra) e l Dome de Neige (a destra) viste dal pianoro sotto.


Tornai al rifugio du Glacier Blanc, dopo na meritata pausa e raccatta' le nose straze (sacchi letto...) ne molem vers val. Sto colp, gh'e' da nar.... a ca'!



Ste pagine l'e' stae cargade volte da visitatori dal 3 de agost 2005