SCIALPINISTICA Costalta del 18/01/2008

Punta' la sveglia alle 6 e 40, dopo na doccia veloce, bino a um le me straze e volo en sala da pranzo, endo che gh'e' za zo me cosina Giovanna che la me prepara al volo cappuccio e torta, e ne aprofittem cosi' de quattro belle ciacere (diaolopo', no g'avem mai temp de vederne). Entant arriva anca el Silvano (tutti i altri i e' a dormir) e per le 7 e meza, ringraziai per l'ospitalita', dopo esserme senti' na tiraa de recie perche' no tiro mai l'attacchim en discesa (che senza skistopper, se per disgrazia parte el sci.... el trovo en val), me fiondo zo per la pista nera del Ciampac e en ten quart d'ora arrivo alla macchina. Entant che cargo sento anca i putei della funivia che me ciama per nome (ah! i e' quei che ho fat serata stanot al rifugio!) e me saluda alla prossima sciada. Via de balla co la Polo e per le 9 e 1/4 me trovo col Teo all'imba a Baselga.... ma endo g'avral entenziom de nar? Mola zo la polo sora i Fovi, drio el stadio del giaz, el me fa veder en canalim che salta zo en tel bosc propri dalla vetta de Costalta: propri sora el lac Serraia. Da quel che l me diss, nol ghe par mai sta' battu'... e allor... gh'e' da nar! Ecco per cossa che serviva el casco! El canal en effetti el par strett e bel ert... e a dirla tutta anca bel cargo de nef: e col rischio Forte grado 4.... ne tocchera' zerto valutar enzima la situaziom, per veder se la discesa da sta banda l'e' fatibile (la salita la fem dalla normale scialpinistica)! Co la Modus nem a parcheggiar al pass del Redebus e trati i sci sotto i pei ne enviem su per la forestale che parte sulla destra. Con na giornada del genere (sol e calt), gh'e' da schivar le scariche de nef che salta zo dai rami dei pzi ancor carghi. La forestale l'e' battua su font giazza', po' gira' sul versante della Valsugana la deventa propri na pista da fondo, vist che gh'e' passa' el gat delle nevi. Ne la tolem propri dolza, e passa' malga Combricoi ne trem a sinistra e seguendo na traccia del gieri, ne enfilem su per el bosc a guadagnar quota. Visti i 600 metri de dislivel, pensevo che fussem su en te n'attimo, ma tra el sviluppo verso sud, tra el zoccol che (diaolopo', quando el se fa serio, l'e' bon de farte deventar 100 metri come 500), na bella grondada me la som fatta anca ancoi. El Teo, no ho miga capi' perche', anca se l gheva sci e pel vecie (ma vecie!) el zocol el l'ha pai' molto men de mi.... Finalmente arrivem en campo aperto e qi encontrem l'unico scialpinista della giornada, che adirittura el me riconoss dal sito! Ancor 50 metri e Berg Heil! Magnem na cioccolata, trem su na giacca, el casco e cavae le pel perlustrem la dorsale per veder endo l'e' meio trarse per ciapar el canal. La situaziom no l'e' delle pu' belle.... el vent l'ha za' laora' e gh'e' za qualche bel cumulom.... ma forse.... ne ripassem tutta la dorsale en par de volte e alla fin trovem che el posto meio per tacar l'e' quel subit sotto la cross, puntando ai primi pzi.... anca se a dir el vera i pzi i ne serviria propri a tirarne fors dalle straze da probabili slavine. Dopo 3 minuti de discussiom su chi riscia per prim (e de zerto no l'era per tirarse endrio!) e valuta' ancor meio el pendio.... mandem tutti en mona e decidem che tornerem qi col riscio valanghe pu' bass (ancoi no l'e' na bona giornada per risciar na direttissima fin zo en tel lac della Serraia!). Tornando zo dalla stessa, de polver ghe n'e' na scarica, e mpontando drit el bosc se riese a saltar for anca 4 bei muretti! Dalla malga en zo, su pista, basta molarla, e en ten blitz sem al passo. Qi encrosem de nof el scialpinista che gh'era en zima e quando ghe consiglio de far el Cornett de Folgaria che l'e' en polverom da foc (al gieri el Mich el se l'e' fat tre volte en solitaria e stamattina, l'e' torna' su all'alba) el me diss che l l'ha fat propri al gieri... encontrando su uno che ghe diseva de averlo fat 3 volte! (chi sara' stato mai? L'e' propri piccol el mondo!). Tornai a raccattar la Polo, l'e' mezdi': l'ora l'e' propri giusta... e l Teo el me envida a so ca' a magnar en boccom. E tra pasta al ragu', speck, formai e n goto de rosso, (e co la soddisfaziom de aver tira' for i sci anca ancoi)... som pront per tornar a laorar, tess e content!



Po' al rientro sento via mail la Silvia de Roncegno (la m'eva firma' el guestbook a so temp e via mail ne erem tegnui en contatto per nar a far qualche scialpinistica) e za che la me diss che de nef en Lagorai ghe n'e'... e la me ricorda de passar per l so bit quando som en zona, ne aprofitto per scriverghe e domandarghe endo che la g'ha el bit, e che stamattina ero propri en Lagorai, e che gh'e' propri da nar!! La sera me arriva la so risposta....

"vara ti che rider el caso..sta mattina su per pin te gh scontr el me putel..che l'aveva scontr en to socio el d prima su en folgaria.. l' propi piccolo el mondo.."

Diaolopo'!!! Che dir? Che rider! L'e' propri piccol el mondo!

PS: Ma mi la Silvia g'ho ancor da incontrarla!




Ne enviem su per la forestale....


...quanta nef!!!!


Se continua tra forestale e pista battua fin malga Combricoi...


...e se rientra en tel bosc....


...ma con en zocol del genere l' propri dura nar envanti!


E finalmente con altri 300 metri de dislivell, arrivem en campo aperto en vista della Cross de vetta e...


Berg Heil!!!


E adess gh' da pensar al canalim sotto la cross de vetta per calarse zo sulla direttissima sul Lac Serraia....


...ma trati su i caschi... e vardando i acculumi che gh' sotto (e con en pensier a Meteovalanghe che ne da rischio Forte grado 4): forse l' meio tornar de volta dalla stessa!!!



Ste pagine l'e' stae cargade volte da visitatori dal 3 de agost 2005