ALPINISTICA Palla Bianca (cresta Nord) del 14-15/08/2006

Vist che el temp el par che el ghela meta tutta per farne passar ste ferie a casa.... dovem riusir a sfruttar anca la singola giornada de sol e cosi', vist che ferragost (ma non el 14 o il 16) i mete bel... gh'e' da nar! Ne trovem cosi' al stadio Quercia alle 2 col Max, el Davide e l Stefano e co la Polo ne enviem vers la Val Venosta. Vist che l'e' ancor bonora quando passem per Meran, deventa doverosa na tappa birra alla Forst (anzi doe...) e cosi' quando l'e' le zinque e quaranta sem za' passai per el lago de Resia e traversada tutta la val Lunga arrivem a Melago. Ne tirem a um en fretta e dopo en colp de telefono al rifugio per dirghe che sem n'attimo en ritardo ne enviem vers el rifugio Pio XI. Dopo aver cammina' praticamente en piano na mezzora, finalmente el senter el se rampega su per la sinistra e en 600 metri totali se arriva al rifugio. El cartel de fondoval el deva ben 2 ore e 10 per narghe al vers. A noi, sara' anca sta' l'acceleraziom che avem fat quando n'ha ciapa' rento la prevista bufera de nef, e' basta' n'ora e vinti. Mola' zo i zaini, e trate le giacche a sugar, la siora, prima de zena la ne offre subit na bona grappa bianca.... e subit ne trem sulla birra e la zena: e che zena! Tutt ottimo e abbondante! En tel rifugio oltre a noi 4 gh'e' sol en par de turisti tedeschi che doman fara' la Wei▀See Spitze e altri 3 italiani che gira en bassa quota per rifugi... trandoghe n'ocio al libro de vetta, ne rendem cont che sto mes, no e' ancor na' nesuni sulla Palla Bianca da sto versante.... e la rifugista la ne lo conferma: "Gh'e' condiziom invernali... sto mess no e' ancor na' su nessuni, e se la stimana passada el g'ha caccia' zo en ten di' en metro de nef, l'e' 'na stimana che ben o mal en poca el seta a trarghen sora ogni di'!". La siora, la ne consiglia cosi' la cresta nord, tentata en giornada dal fondoval da en par de abitanti del posto: li', almen, la nef la dovria esser en parte staa spazada via dal vent! Si', ma come sarala la cresta nord? A vardarla su la fa la so bella figura! E cosi', dopo n'altro giro de grappini, na figuraccia del Stefano (che l'e' sta sgama' a strisciar sulle banchette esterne el rifugio per vardar la cameriera - eh,eh.... a mi l'e' nada bem: som riusi' a mimetizzarme nell'ombra!!) e aver compra' la cartina della zona (vist che co le stampe che gh'evo drio dela gresta nord se capiss bem poc), ne trem sotto le coerte en te la cameretta privata che n'ha assegna' la rifugista. La sveglia l'e' alle 4.30, dopo esserne tirai a um, nem en sala pranzo e.... quanta roba! Anca massa... infatti da colaziom dopo il solito the, fette biscottate e marmellata (i kellogs e la tazza de rafano-yoghurt no i magno mai) l'e' impossibile resister al taglier de speck e affettati, e magnem anca quei. L'e' le 5 e meza che, ancor scur, ne enviem a pe' vers la morena. Traversa' la piana sotto el rifugio, se risale da sinistra sulla morena e restandoghe sora, la sfruttem per costeggiar le do lingue de ghiacciaio, fin quasi en font alla val. Da qi ne lighem e con en larc giro a destra (ma restando subit sotto le rocce, visti i numerosi crepi) ciapem la direziom della Palla Bianca. La fiocada de ieri l'e' nient, ma ciapando quota se sfonda sempre de pu' e traccia.... no ghe n'e'! El Davide el sta davanti a far traccia, e guadagnando quota dribblem parecchi crepi. Erem partidi dal rifugio co na stellada da foc, ma arrivai a quota 3200 ecco che arriva le prime nubi basse. Passo da Kepocordata giust per far la deviaziom dalla normale: 200 metri de quota sotto la forcella, da endo che partiria el canal (via normale) per salir enzima, deviem tutt a destra e puntem a delle roccette (aggirando ancor qualche bel crep). Beh, gh'e' sta n'attimo che dal nebbiom che gh'era gh'evo pensa' a tornar de volta: prima en sass en lontanza e po' na vecia bala de nef rugolada zo dal canal, anca se i era fermi davanti, i deva l'impressiom de vegnirme encontro... diaolopo', che brutt effetto la nebbia si fitta! Per fortuna no e' passa' tant che sem arrivai sulle roccette e qi, en te n'attimo s'e' ridavert for anca el zel. Quindi prima per la gresta de nef e po' per roccette, en tel giro de n'ora sem arivai enzima. Unica cordata ancoi.... e anca la salita dal versante sud no la pareva tracciada. Il tempo de sailta l'e' sta come da tabella: 5 ore, ma vista la traccia che avem dovest far, sfondando pu' de mez metro en la polver ogni pass, sem stai propri bravi. E cosi', dopo en boccom e na firma al libro de vetta ne sem enviai de volta. Tra na roba e l'altra per tornar for dalla gresta nord ne se gh'e' volest n'ora, ma na volta sul ghiacciaio avem ciapa' en bom ritmo e (anca se i ramponi, antibott o no, i feva en zocol da paura) per le una e meza erem de volta al rifugio per.... na birra?? NO! Per quela spetem de tornar alla Forst! E cosi', per dar el bon esempio (e recuperar temp da passar alla Forst) mi e el Max partim de corsa zo per el senter che ne riporta a Melago: 50 minuti e sem za pronti per saltar en macchina. Pu' longa e' sta' la Val Venosta, ma na volta a Foresta, se parcheggia e en bom taglier a testa (e anca do birre a testa) nol ne lo cava nessuni: nel sem propri merita'. E conta poc se l Davide el g'ha pressia de tornar a ca' che senno' la donna la lo taca su: i minuti persi en birreria ghe i fao recuperar mi ala Polo lanciandola ai 150 en autostrada: 55 minuti Meran-Roveredo. E scarga' la macchina, anca se l'e' ormai ora de zena, col Max e l Stefano no podem evitar n'ultima tappa al bar de Lizana per na Radler media.... el speck dela Forst l'era tant e bom... ma anca sala'!




Da Melago se entra a pe' en la parte alta della Vallunga e dopo 20 minuti se taca a guadagnar quota sul versante sinistro.


Dopo n'ora de marcia sem ciapai rento dalla bufera de nef....


...ma finalmente, dopo altri vinti minuti sem za en vista del rifugio Pio XI


... dopo n'ottima zena, davanti a do bone candole de birra pianifichem la salita del di' dopo.


Dal rifugio, se risale la morena centrale e se punta alle roccie enfont al centro (endo che se girera' a destra) pasandoghe a sinistra della crepacciada.


Eccola la Palla Bianca e la so gresta nord! L'ombra sul ghiacciaio la rappresenta piu' o men, la nosa traccia de salita per saltarghe sula gresta.


Na volta sul ghiacciaio se dribbla parecchi crepi (da notar la nosa traccia)....


...e dopo en larc giro da sinistra vers destra, saltem sulla gresta...


...prima nevosa (co na piccola terminale da saltarghe su)...


... e po' de roccette.


Berg Heil! Unici alpinisti en zona ancoi! E adess finalmente podem pensar alla discesa e....


...alla pausa birra/taglier della Forst de Meran!



Ste pagine l'e' stae cargade volte da visitatori dal 3 de agost 2005