ALPINISTICA Tschigat Cigòt del 11/07/2010

Dopo la full immersion per monti di ieri ero quasi convint de dar forfait e ancoi dedicarlo alla famiglia... zerto che tra el Stefano che l stiza per nar e el calt previst, a cà no se pol star: gh'è da nar! E allor propongo el Cigòt: la montagna sora Meran. Vist che l giro el par pitòst lonc e soprattutto vista l'instabilità pomeridiana prevista, dovém però partir e puntar a ciapar la prima funivia che ne porta all'inizio della camminada, quindi, partidi da Roveredo alle 6, no l'è ancor le 7 che passà for Meran, parcheggiém a Tirolo en tel parcheggio en centro da endò che parte la funivia per Hochmut (1360m). La prima corsa la saria bem alle 7 e 30, ma vist che alle 7 e 15 gh'è zà 10 persone che spèta de saltar su, i anticipa l'orario: ensomma... en quart d'ora ciavada ai temporai! Ne mettem subit de bom pass e seguim en pian l'alta via dei Meranesi che en te n'ora, passando tochi con cordin e fiancheggiando prai con pendenza da paura, la ne porta ai 1522m della Leiteralm. Ne fermén demò el temp de n'holundersaft, quindi, ripartidi sorpassém en vecio local che con st'afa da paura l'è drio a farse l'altavia con vestito tipico: braghe de coràm, camisa a scacchi e capèl tiroles: eheh... ecco perchè entant che l cammina el seta a parlar da sol!! Col calt che fa gh'è nà en ebolliziom el zervèl! Altri 40 minuti tra boschi e arrivém ai 1840 del rifugio Hochganghaus, e qi, sempre per via del calt, va zò benom na Coca Cola media de resta. Qi finalmente co na deviaziom a destra ciapém el sentèr che el se empenna su per la forcella (hochgangscharte) e passà en par de gruppi de taliani su per i cordini (che è messi generosamente, e che no richiede zerto de mbragarse) en te n'oretta sém ai 2455m che saltém for sulla piana e puntando a sinistra risalim ai 2520 dei dò laghi del latte: ancor pieni de nef e mezzi engiazai! Finalmente qi, tra nuvole e quota, la temperatura se la apprezza alla grande! Le vie de salita adess le è doe e come tutti noi proseguim oltre i laghi per puntar al canal. Emboccà el canal, tra macie de nef e sassoni, el Stefano el rallenta n'attimo el pass (d'altronde elo al gieri con tute le ore de motocross che l'ha fat, l'ha ben fat pù fadiga de mi!) e mi, 50m sora trovo l'occasiom de far 4 ciacere (a dir el vera no la me moleva pù...) co la bèla dònna (che l Stefano la l'ha soprannominada-col passo spedì che la gh'eva e da fissa che la era- la "dòna co la figa de fèr") partìa ensieme a noi dalla funivia e adess zà en discesa da sola! Ovviamente conversaziom tutta en todesc e dopo averme contà la sò vita (e mi la mia) la me diss che sora per facili roccette se arriva enzima rampegando: sperem che le sia fazili! Aggirém en primo nevaio da sinistra saltando su na balza, quindi, ancor do zete de sentér e gh'è da rampegar.. diaolopo'! Beh... sto colp enzima ghe arrivo e quindi, con attenziom saltém su na serie de balze de II grado, quindi... ore 12.30: Berg Heil! Oltre al libro de vetta enzima gh'è anca una scatola de plexiglas del Meraner Group: che storie! Gh'è rento carbom e artemisia da brusar e respirar per entrar en contatto col zél.... e l'è 'nà mostra attivada su 8 delle vette qi entorno! Magnà en tòc cioccolata fusa, sentì el prim ton, provém a enviarne zò co la picca sul fianco drio della zima per seguir la gresta e raggiunger el bivacco: la fusiom e rigelo della nef, però le ha creà sotto en strato de giàz massa pericolos per smontar zò (e difatti no l'è ancor tracciada da nessuni), e così dopo 100 metri, e aver riscià de slipegar zò dai placconi, ne girém e torném en vetta e rientrai en tel canal propri entant che scominzia a grandinar, co la picca en man ne sparmiém el gross delle roccette sfruttando el canal centrale ancor pien de nef. 20 minuti de grandine e finalmente, arrivai for dal canal el pèta lì, anca se da lontam i toni se continua a sentirli. Passém quindi sotto el MilchSee smontém al Grünsee, quindi, finalmente raggiungém l'Oberkaser endò che en bom piatt de Knoedel e radler media nol ne li cava nessuni. L'è ormai le 3 e 1/2 dopodisnar quando ripartim e con en lonc mezzacosta passém sora alla val de Sopranes e passai sotto la zima Muta, en te n'ora e quaranta dalla magnada sém de nof a Hochmut pronti per saltar en funivia, ma ovviamente dopo en bel PROST!!




Ne enviém per l'eterna Meraner Hohenweg, con davanti propri el noss obbiettivo: el Cigòt!


Dopo 2 ore de camminada en saliscendi, fem pausa beveraggio al Hochganghaus...


...quindi con erte zete ciapém subit a magnar dislivel...


...e con do comodi corriman raggiungém l'hochgangscharte...


...lassà quindi el GruenSee alle nose spalle, risalim fim...


...ai 2 Laghi del Latte: ancor pieni de nef...


...e quindi en tel canal a destra per sfasciumi, roccette e nevai... arrivém ai 2998m de quota della zima.


...anzi no... el Kepo l'è sicur sora i 3000!!! Berg Heil!


E sta roba qi sa elo??!!! Ahahah... gh'è rento enfim da fumar!


L'è la mitica mostra del Meraner Gruppe per entrar en contatto con l'alidlà!


Smontai dal canal sotto 'na bella grandinada...


traversèm via el rifugio (dopo esserne fermai per na bona magnada) vers destra quindi costeggiando tutt el gruppo montuoso per n'ora e meza..


...smontém alla funivia de Hochmut che ne riporterà a Dorf Tirol.



Ste pagine l'e' stae cargade volte da visitatori dal 3 de agost 2005