SCIALPINISTICA Weißkugel / Palla Bianca (A) del 24/04/2010

Vist che l Mich el deve esser de volta a casa per el primo pomeriggio, l va su a dormir col Luca, Bertold en tel Westfalia del Mauro la sera prima a Maso Corto. El Kepo enveze el parte co l'Albert e l'Andrea alle 2 e 30 da Roveredo.Per le 4 e 20, arrivém su che i è drio a far colaziom, quindi tirai a um e trate su le frontali ne enviém su per la pista nera. Azz... se l'e' nera quela che parte dai skilift, quella da drio la funivia l'è nerissima! Ocio a no rugolar! Quindi rampant al volo e spetà n'attimo che l Bertold el recupera la digitale (che per fortuna la gh'è partia ancor all'inizio del rampom) la mpontem dritta... ma dritta! Finalmente dopo 200 metri da paura la spiana, e ciapa' la deviaziom a sinistra, puntém alla zima delle piste vers quota 3050m. N'ora e mezza e zà mili metri i avém magnai. Mich, Albert e Luca i va come i treni, el Bertold, per fortuna el diss che l g'ha en po' de mal de panza... vist che no gh'è modi de riusir a pestarghe le coe; el Mauro el tegno a n tiro de sciòp e vegno su a passo regolar serando la fila co l'Andrea. Saltà sora le piste al passòt a destra cavém i sci e camminém su roccie per 200metri de cresta de confine, quindi ne sbassém sul ghiacciaio austriaco che vem su dalla Oetztal perdendo 200metri de quota. Ritrati i assotti sotto i pei, se traversa el lonc pianoro puntando dopo n'ert pendio al seracc a sinistra che ne fa aggirar la zima tacandone alla salita che salta su dalla val Mazia. Ultimi 200metri de pala erta e... sto tòc qi, avendo lassà endrio l'Andrea, mel togo propri comòt.... Berg Heil! La zima l'è quella scialpinistica: per la cross besogn passar for en par de gendarmi de roccette... avendola zà fatta, ancoi me sparmio la rampegada de 20 metri lineari. Ne aprofitta entant l'Albert e l Luca per far zima e dopo na bella polsada ecco che arriva l'Andrea (l'è keppottà per la quota)... cavém le pèl e passà dritti oltre el seràc, enveze che tornar sul ghiacciaio austriaco, scalettém 30 metri e picca alla man (mi, demò! El Mich & C. i è nai de derapada coi assotti... ma l'è propri en pè!) ne calém en la val dele frane. L'è prest le 11 e la nef l'è prest en pappom! Mentre el Mich, Luca e Bertold i se fionda en zò en velocità, enseguim l'Albert che zà el la conoss e a parte na deviada che ne porta sora en salt de roccie (che l'Andrea el ciapa... ma l lo porterà a ravanar per tornar a ciaparne diretti alla macchina), ciapém en taboga a sinistra della val che ne porta velocemente alle piste da sci, e con queste, de volta alla macchina. Bel giro! Ma el Mauro el parte a razzo col furgom... che sennò, al Mich ghe salta el battezzo! Noi enveze nem en perlustra de qualche locanda tipica: ehehe... la Schwarze Adler sotto Vernago la merita propri 2 stelle piene: ottima radler e ciòpa speck kren gurkel und Käse... einfach 6 Euro... super, no?!




1000 metri de resta e subit sem sora le piste e le nebbie...


...scavezem oltre la cresta de confim e proseguim sull'eterno ghiacciaio austriaco...


...e passà for el seràc che ne riporta sulla testata della val Mazia, saltém sull'ultima rampa, gresta e ....


...en pochi i punta alla vetta rocciosa...


...ma il Berg Heil è già qui! Pronti a molarla allor!


E ributtai en val dele frane per el canalim drio a destra del Kepo, ne trém vers Maso Corto.



Ste pagine l'e' stae cargade volte da visitatori dal 3 de agost 2005