TURISTICA Toscana del 15-16/08/2005

Me fradel el m'eva ciama' ieri sera per veder se gh'evo voia de nar zo a trovar i me parenti toscani: l'e' vintitre' ani che no i vedo! Saria na' zo en treno (che per feragost l'e' anca quasi gratis) e saria torna' su con lu' el di' dopo, vist che el torneva dale ferie. Me basteva eser de volta per le 6 dopodisnar: g'ho i alenamenti de DragonBoat! Se pol far! Gh'e' da nar! E cosi' me som envia' en treno ale 6 de matina da Roveredo e ale 11 ero za' a Lucca. El Manuel (me fradel) e la Georgia (la so dona) i era za' li' en staziom che i me speteva. I m'ha porta' a Maggiano, en do che i era ospitai dai nosi cosini: mi me som porta' drio el me materassim e sacco a pelo per dormir ai pei del let che gh'eva me fradel. Li' ho encontra' me cosina Carla e me zia Lia (la zia me la ricordevo bem, ma adess l'e' propri veciota...): dopo en goz de crema de limoncin (me som fat dar la ricetta!!!!) dela Carla sem quindi nai a Chiatri al ristorante da Mariano (me cosim) a magnar e bever come i vedei. E che bem! Tut roba fata en casa! Anca el salame della lori cinta senese! Anca el posto en collina l'e' na favola, co la vista sulla Darsena, Versilia, Cinque Terre e en lontananza se vede addirittura el Monviso! Dopo en riposim per parar zo' el disnar, vist che i parenti no se i troveva sem nai a far en giro a Lido de Camaiore (Versilia) a veder se con quel che me ricordevo dale me vacanze che fevo da bocia (fra i 3 e i 6 anni ero sempre qi a far le ferie) riusivo ancora a orientarme:no. Sem quindi tornai a saludar el zio Mario e la zia Anna e fat n'ora de ciacerada (sperando che i poda tornar a farne visita en Trentim come 8 anni fa). E po' la mitica zia Marina che la na tegnu' li na bona ora a contarne le storie e le commedie che i ne conteva da boci (che revival da foc!). L'era tardi! E cosi' via de corsa a Chiatri al ristorante a zenar col riso ai porcini, cinghiale, e le varie specialita' toscane e bever...fim mezanot. La mattina dopo, alla casa de Maggiano sem finalemente riusidi a veder e far quatro cicacere col Mariano e la Grazia (cosini che n'ha ospitai, ma che i e' sempre ciapai a laorar al ristorante) prima che i tornesa a laorar: lori i e' omonimi dei me genitori e so fiol l'e' anca me omonimo (ma questo no l'ho vist...l'e' sempre en volta...pu' zinghem de mi!). Anca lori ('l Mariano e so fiol) i g'ha la passiom (come i cosini trentini) del fronte dela prima guerra mondiale e i conose (dai libri) l'Adamello a memoria! E cosi' dopo averli envidai a far na pestolada sul ghiacciaio e averghe lasa' li' 4 boze del nos vim (che evo porta' zo da farghe tastar) ne sem enviai vers casa.






Beh, qi en Trentim sarem preoccupadi per la Pi.Ru.Bi., ma zo la' per no far costuiir l'autostrada gh'e' fin a 4 o 5 cartelloni su ogni casa!!!
mi e me fradel co la zia Anna e 'l zio Mario
me fradel e la Geo con la mitica zia Marina.
la vista da Chiatri: la Darsena e in lontananza a destra, Lerici
mi e la Geo all’agritur del Mariano: ma a chi ela drio a farghe la lengua? A quel mona de me fradel che drio a scatar la foto: i se vol propri bem quei doi!


Ste pagine l'e' stae cargade volte da visitatori dal 3 de agost 2005