4 agosto: En giro en moto...ma endove? E cosi' propri quando en te na calda domenega de luio ne erem trovai, come da tradiziom, tra cosini a portar la Madonna alla processiom for per Roveredo e' salta' for l'idea: Medjugorje! La' a inizio agost gh'e' el festival della gioventu' (Mladifest), na specie de GMG! E cosi', anca se alla fin el Giobbe (el Duke l'e' n'agonia coi viazi longhi) e el Marco (problemi de laoro) i da forfait, mi e el Dema ne trovem a me ca' alle 8 en punto de vendro 4 agost per partir. La partenza l'era en realta' prevista per el di' prima, ma vista l'allerta meteo data dalla proteziom civile su tut el nord, avem preferi' spetar che el temp el miglioresa.... ma no masa! El programma en linea de massima l'era: vendro viazar via strada costiera croata fin Sibenico, sabo e domenega matina festival, quindi ritorno (entro luni de sera). El zel l'e' coert, e enviandone for per la Vallarsa (direziom Vicenza) arivem a Arlanch che za' metem su le tute antipioggia. Passa' Schio el temp el tra' propri al brut e na volta ciapada l'autostrada della Valdastico ne ciapem anca quattro boni chicchi de grandine. Sem quasi a Venezia che ne approfittem de far el primo rabbocco al serbatoio, ma niente pausa! E cosi' sempre sotto n'acqua che basta la meta' ciapem per Trieste. Per fortuna sem en moto! Gh'e' chilometri e chilometri de macchine ferme en colonna! ...e noi, o sorpassando, o sfruttando la corsia de emergenza no ne rendem quasi cont del traffico...ma del fret si'! L'e' 13 gradi! Arivem a Trieste giusti per mezdi' e cosi' ne fermem zinque minuti all'autogrill per en panim (en pe') e dopo aver rifat el pieno, via de nof! Ma che acqua! La vem zo a seci reversi! Passem la frontiera Slovena ovviamente dribblando la colonna de macchine en fila... e praticamente senza controllo documenti, vist che con tuta l'acqua (e no sto a descriver el ventaz!) che vegniva zo g'averem fat peca' al doganier. Neanca n'ora e entrem en terra Croata. De calmarse de piover nol vol propri saerghem e cosi' arrivai a Fiume (Rijeka) quando ne fermem per el pieno ghe propongo al Dema de sfruttar l'autostrada interna enveze della strada (tutta curve e viscida col bagna') costiera: tanto le isole, vist el nebbiom no se le vede neanca! Approvato! E cosi' ne sbarem altri 250 chilometri de acqua, e la temperatura l'e' sempre fissa a 13 gradi! Finalmente sbucai for da en traforo de 5Km par che el smeta... si'!!! Ne fermem cosi' en Autogrill a far el pieno e cavar le tute antipioggia: da tanta acqua che avem ciapa' sem mizi come i poiati istess, ma almen adess la temperatura la par alzarse: en 30 chilometri dai 13 gradi sem pasai ai 26! E ovviamente en sol che finalmente se se rende cont de esser en piena ista'. Arrivem a Sibenico cosi', dopo en viaz de 750 chilometri (de cui 550 sotto el diluvio). El prim problema l'e' trovar endo dormir. En campeggio? El baulet della me moto l'e' fantastico: g'ho rento tutt e som riusi anca a farghe star rento oltre all'oio (la me magna en chilo ogni mili chilometri!), i attrezzi, i vestiti de ricambio, anca tenda e sacco a pel! En tel giro de mezz'ora avem za empianta' la tenda e sem drio per ripartir per nar en centro a magnar en bocom quando.... diaolopo! Ripartendo, for per la salita del campeggio, me desmentego de ridaverzer el serbatoio della moto e propri entant che som drio a accellerar per immetterme sul stradom principale finiss la benza e la se smorza: e la me casca adoss!!! Per fortuna, a parte la figura e la zent che me corre encontro per darme na man a rialzar la moto e veder se sto bem, la moto no la s'e' fata quasi nient (ho sol piega' en po' la leva del freno e do sgrifoti sulle bandelle) e mi, a parte na rasada sul gombet na paca sul cul e en gratom sulla schena, idem! Prima de trarne al ristorante, decidem cosi' de passar al supermercato (voi comprarme do birette de consolaziom da scolar prima de nar en let, per consolaziom). El centro storico de Sibenico l'e' propri bel: tut vialotti pavimentai e stretti: tipica citta' romana... E el ristorante el ne serve en bom filet de rugant. Quando l'e' le 9 e meza, coti, ne enviem vers el campeggio e dopo na biretta e en giro a pe' li' a veder i bar che gh'e' sulla spiaggia per le dese e meza sem za sotto le coerte.


5 agosto: Ovviamente en tel baulet della me moto no ghe steva anca el materassim e cosi'... no l'e' che sia el top dormir sui sassi... alle 4 ero za sveglio a remenarme... e alle 8 finalmente sona la sveglia. Smonta' la tenda e saluda' el gestor del campeggio (15 euro en 2 e 2 moto) ale 9 sem za en viaz. Sto colp, vist che el temp l'e' propri bel ciapem la costiera: ma che longa! Per arrivar a Spalato, che pareva li' sotto, ghe metem do ore! E da qi, dopo en pieno carburante veloce, ripartim en direziom Dubrovnik fin a Makarska: la costa l'e' propri bella, ma...che traffico! Noi ovviamente sorpassem chilometri e chilometri de macchine ferme en coa per enfilarse en tei vari camping/spiaggie, ma sti quaranta chilometri i ne ciava n'altra ora: l'e' za mezdi'! Avanti! Finalmente ciapem per Mostar! E qi macchine no ghe n'e' pu'! Anca la strada tuta curve, anca se en pel pu' stretta l'e' propri divertente! Par de esser for per la Vallarsa! Arivai alla frontiera, en entrata en Bosnia dopo aver ciapa' i complimenti per la bela moto dal doganier g'avem da far le nose a trovar tra i documenti la carta verde dell'assicuraziom che el ne domanda.... Ancor vinti minuti e...ghe sem! Ore 13: Medjugorje! Adess dovem organizzarne per bem che la giornada l'e' piena! Alora, subit de bala ne trem a magnar na pizza, e per le 2 e meza sem za en volta a zercar na camera per la not (se fa per dir, vist che la not g'avem la messa sulla collina alle 5: la doprerem si' e no en par de ore per polsar e per depositar la valis del Dema-vist che nol g'ha el baulet). Quando evem ormai pers le speranze, trovem na stanza per 18 Euro, quando l'e' ormai le 15 e 30! Scarga zo tutt e via che gh'e' da nar! Prima a confessarse e po' alle 16 taca le testimonianze de Padre Ioso, en la piazza drio la ciesa! Envenze no! Me salta sula moto na bela bionda (la se ciama Goka) de Mostar (la barista de endo che avem tolt la camera) e la vol a tutti i costi che ghe faga far en giro co la me bella moto for per la zita'. E sia! Via de bala for per le strade e en zinque minuti som za' de volta, dandoghe appuntamento per la sera, se quando la finiss el turno la fa en salt en piazza (ma purtroppo la me diss che la deve tornar a Mostar...). E alora coi tempi ancor pu' stretti ne enviem en piazza. Riusim a far tutt... e la piazza, che piena! I diss zo che sem trentamili!...e gh'e' da crederghe. Dopo na pausa de mezz'ora che sfruttem per en gelato e do souvenir en centro, tornem alle 18 per el rosari e alle 19 la messa. Finia la messa (se la scolta per radio en traduziom istantanea...e vist che i taliani l'e' la maggioranza ogni tant i parla anca en taliam), domandem engiro per capir come se fa a salir sul Krizevac, la collina endo che gh'e' la messa ale 5 de matina, vist che i ha dit for che no se va su en gruppo ma ognuni g'ha da organizzarse come vol. I canti e balli de chiusura del festival i saltem en pizzeria davanti a na bona pizza e birra. Qi, conosem tre putele Chiara, Ivanka e Rita, che le ne envida per nar con lore e altre 10 so amiche sul Krizevac stanott... lore le parte alle 1.45, noi evem bem pensa' de dormir fin le 3... ma per dese putele levo ben volentera alle 1.30 per nar a far la via crucis salendo sulla collina. E cosi' dopo aver fat visita al Cristo drio la ciesa (da endo che vem fora en liquido che no i e' ancor riusidi a analizzar) nem a buttar zo i ossi, giust en par de ore: sveglia alle 1.20!


6 agosto: Ne trovem al supermercato con lore e noi en moto e lore en macchina nem alla partenza del senter per la collina. Alle 2 de not sem za' li' che tachem co la via crucis su per el senter co le frontali...ma anca el senter l'e' na via crucis! L'e' tut na serie de lame de roccia che, almen a mi che g'ho le scarpette estive col la sola fina...le fa propri mal! Ma gh'e' da nar! E cosi' per le 4 sem sul Krizevac (520m. slm)... e stivai come le cavre, dopo aver dribbla' na siora fatalista che la me spaventa la Chiara, riusim a ciapar posto propri sotto l'altar...Alle zinque taca la messa, e i preti i g'ha avest da far le sue per dar for le comuniom tra la ressa e caminando su per sti blocchi de sass. L'e' le sette che ne enviem vers val (200metri de dislivel) e declina' l'invito per n'ultim caffe' saludem le putele con en "all'am che vem!" (o forse prima?) e nem a polsar en camera. Sveglia alle 11.30. Ensomma, rieso a dormir altre 3 ore e meza. Adess podem propri partir... ma per dove? Podevem ripensar alla stessa de andata, Ivanka la n'eva consiglia la visita de Mostar, pernotto a Sarajevo e rientro doman via Zagabria... e gh'evo fat pu' de en pensierim se no fussa sta per el temp! En alternativa podem risciar de veder de trovar posto sull'aliscafo che parte da Spalato per Ancona. Prima de tutt dovem ancor far visita alla collina delle appariziom: e al Dema, a salir sulla collina ghe tiro propri el col, vist che dei vinti minuti de salita previsti ghe la fago far en 6! Ne fermen giusti per na preghiera veloce e tornem ale moto. Qi, gh'e' i boci parcheggiatori a cui ghe lasem n'Euro de mancia a testa, e vist che ghe piass en casim la me moto ghe fago far anca en giro veloce... ma gh'e' da nar! Toneza! E cosi' de sicur no podem nar vers l'entroterra (Mostar) che gh'e' temporai de sicur... cosi' l'e' le 13 che partim vers Spalato. Do ore e ghe sem! Velocissimi! Vist che vers nord gh'e' tutt nubi che minaccia, passem al porto e... trovem posto a bordo dell'aliscafo per Ancona! L'e' ben na pelada de 127Euro a testa... ma almen ne sparmien 500 chilometri de moto, e probabilmente acqua... G'avem cosi' tutt el temp de na bona pizza e birra e spetar per el ritardo dell'aliscafo.... Dovevem partir alle 17, e sem partidi alle 18.30. Dovevem arrivar en 4 ore e ghe n'avem messe 5! E cosi' alle 23.30 sbarchem a Ancona. Sa vot fermarte a dormir li'? Macche'! Tanto en traghett mi ho dormi' de sass (el Dema en realta' no, ma sem comunque abbastanza polsai). E cosi' l'e' mezanot e dese che ne rimettem alla guida delle moto e co na tirada de 450 Km. con sol due pause al distributor per il pieno e caffe' ogni 170Km ale 4 sem za' drio a arrivar ca'! L'e' le 4.30 che som a Trembelem a butar zo i ossi e puntar la sveglia alle 7.30....che gh'e' da nar... a laorar!!!!